I commercianti lanciano "La città della musica"

27 Apr  0 Eventi e News

Magari esistesse una ricetta definitiva per risollevare le sorti del turismo ad Arezzo. Però c’è un gruppo di lavoro, capitanato da Marco Grotti e Pietro Brocchi del Caffè dei Costanti, che sta lavorando alacremente per cercare soluzioni a questa annosa questione e qualche idea è stata già partorita, come spiegano i due imprenditori: «Ci siamo domandati cosa c’è e cosa manca e abbiamo individuato due priorità. Secondo noi c’è da fare un tipo di lavoro nel breve periodo, cioè migliorare la qualità dell’ospitalità, implementando i servizi di informazione turistica, i servizi alla persona e predisponendo materiale turistico adeguato, dalle brochure ai siti internet. Sul medio termine, invece, bisogna concentrarsi sulla progettazione e la realizzazione di eventi in grado di attrarre turismo.

Bene, in questo ultimo caso abbiamo pensato che ad Arezzo manca un brand, qualcosa che caratterizzi l’offerta cultura della città. A noi è venuto in mente “La città della musica“, ci è sembrato quasi naturale. Da Guido Monaco ai Negrita, qui grandi menti hanno sempre fatto musica. Perciò il nostro suggerimento è la creazione di un contenitore che, proprio attraverso la musica, possa creare movimento di persone lungo tutto l’arco dell’anno, non soltanto d’estate. Tra le iniziative che ci sono venute in mente c’è quella di abbinare alle piazze di Arezzo un genere musicale e costruire così un evento a tema.

Ad esempio, un’ipotesi di evento possibile potrebbe comprendere l’esibizioni di un artista o un gruppo, completando l’offerta con degustazioni di cibo e vino. Ci può essere una piazza jazz, una rock, una classica e così via».

Il gruppo di lavoro è formato non soltanto da operatori del commercio ma da professionisti, esperti di comunicazione e di soluzioni web, insomma un team di persone che, con cadenza settimanale, mette a disposizione tempo ed energie per provare a migliorare Arezzo:

«Ognuno di noi si confronta giornalmente con la città e i suoi problemi – continuano Brocchi e Grotti – e ognuno di noi ha potuto vedere che le problematiche sono tante e le soluzioni poche. Noi stiamo cercando di mettere insieme un po’ di idee che vogliamo mettere a servizio di chi guiderà la città nei prossimi anni. Vorremmo che il nostro progetto fosse condiviso il più possibile, coinvolgendo le associazioni culturali, le realtà del commercio, tutti coloro che hanno a cuore la città. Le nostre energie sono a disposizione».

http://www.lanazione.it/arezzo/i-commercianti-lanciano-la-citt%C3%A0-della-musica-1.886854

Comments are closed.